Questo negozio utilizza i cookie e altre tecnologie in modo che possiamo migliorare la tua esperienza sui nostri siti. Ok

Un vademecum imprescindibile che fa dei nostri oggetti di design degli unicum.
Un metodo di lavoro che mette in ordine la filosofia con la quale ogni giorno leggiamo il contemporaneo e lo interpretiamo.

1.  Valorizzazione di tutti gli elementi
L’Oggetto è un corpo unitario che deve essere progettato avendo cura di valorizzare ogni suo elemento, sia in termini di ricerca funzionale che di ricerca estetica.
2. due.gif

Massima funzionalità
La ricerca della massima funzionalità dell’Oggetto deve comprendere:
— l'efficienza statica
— l'efficienza spaziale che consente di fornire spazi interni adeguati alle esigenze abitative
— l’efficienza funzionale che consente un utilizzo adeguato allo scopo
— l'efficienza di durabilità che garantisce la massima resistenza all’usura dei materiali scelti.

3.

Massima ricerca estetica 
La ricerca estetica dell’Oggetto deve comprendere:
— l’estetica funzionale che nasce dalla comprensione della funzione di un Oggetto determinando una amplificazione dell’effetto estetico complessivo.
— l'estetica plastica inerente gli effetti estetici legati alla percezione delle proporzioni spaziali dell’Oggetto
— l’estetica decorativa che comprende i fattori legati alla natura dei materiali ed al loro trattamento superficiale.

4.

Minima ridondanza funzionale e decorativa
L’Oggetto deve essere progettato in termini di minima ridondanza funzionale e decorativa. La massima funzionalità deve essere ricercata cercando di minimizzare il numero di elementi che conducono ad essa. La massima espressione estetica deve essere espressa limitando al minimo gli effetti decorativi che possono distogliere dalle percezioni plastiche e funzionali dell’Oggetto.

5. Valorizzazione estetica della struttura costruttiva
La struttura costruttiva dell’Oggetto per quanto possibile, devo essere valorizzata al massimo livello estetico funzionale privilegiando la sua immediata percezione.
6.

Utilizzo di materiali naturali
I materiali utilizzati per la costruzione dell’Oggetto dovranno essere ricercati privilegiando quelli che la natura mette a disposizione come cosiddette materie prime quali ferro e acciaio, pietra, legno laterizio,vetro. Per quanto possibile dovranno essere evitate materie plastiche di sintesi.

7.

Rispetto della natura dei materiali
Il trattamento dei materiali utilizzati per la costruzione dell’Oggetto deve essere mirato alla minima alterazione dell’aspetto superficiale originario compatibilmente con la funzionalità dello stesso. Debbono essere assolutamente limitati trattamenti che imitano e simulano superfici appartenenti ad altri materiali.

8. Valorizzazione delle lavorazioni locali ed artigianali
La realizzazione degli Oggetti dovrà tener conto della possibilità di essere effettuata con l’utilizzo di manodopera locale favorendo lavorazioni di tipo artigianali piuttosto che di tipo industriale.
9. Minimo impatto ambientale
La scelta dei materiali deve tener conto della minimizzazione dell’impatto ambientale che possono procurare all’ecosistema terrestre sia al momento della messa in opera che al momento del futuro smaltimento dell'Oggetto.